Vietnam di mitragliatrici


La Paz.- La advertencia del presidente de Venezuela, Hugo Chávez, de instaurar un “Vietnam de las ametralladoras” si su aliado ideológico Evo Morales es derrocado o asesinado por fuerzas conservadoras de su país desató este lunes fuertes protestas y acusaciones de injerencia en Bolivia.


La Paz.- L’avvertenza del presidente di Venezuela, Hugo Chávez, d’instaurare un “Vietnam di mitragliatrici” se il suo alleato ideologico Evo Morales fosse tolto dal potere o ucciso dalle forze conservatrici del suo paese, produco questo lunedì forti proteste ed accuse in Bolivia.

El oficialismo y la oposición aunaron críticas contra Chávez que durante la emisión de su programa “Aló, Presidente” el domingo en Santa Clara, Cuba, anunció que “los venezolanos no nos vamos a quedar de brazos cruzados” si es derrocado Morales, con cuyo gobierno desarrolla un amplio plan de cooperación.


Il presidente e l’opposizione fecero critiche contra Chávez che durante l’emissione del suo programma televisivo “Aló, Presidente” domenica in Santa Clara, Cuba, annuncio che “i venezuelani no rimaneremo a braccia incrociate” se Morales fosse tolto dal potere, con il quale governo sviluppa un piano di cooperazione.

Ante un eventual desenlace adverso a Morales, Bolivia -según Chávez- “no será el Vietnam de las ideas, no será el Vietnam de la Constituyente, sería entonces, a lo mejor, Dios no lo quiera, el Vietnam de las ametralladoras, el Vietnam de la guerra”.


Difronte ad un eventuale sviluppo avverso a Morales, Bolivia -secondo Chávez- “non sarà il Vietnam delle idee, non sarà il Vietnam della Costituzione, allora sarà, forse, Dio non lo voglia, il Vietnam delle mitragliatrici, il Vietnam della guerra”.


Chávez hizo alusión al tema durante su programa de radio en honor del revolucionario Ernesto “Che” Guevara, quien lanzó en los años 60 la consigna de crear “uno, dos, tres Vietnam” en la lucha contra Estados Unidos.


Chávez ha fatto riferimento al tema durante il suo programma in onore del rivoluzionare Ernesto “Che” Guevara, il quale lancio negli anni 60 la consegna di creare “uno, due, tre Vietnam” nella lotta contro gli USA.

El diputado Iván Canelas, del oficialista Movimiento Al Socialismo (MAS), declaró que “de mi gusto sería que el presidente Chávez no haga declaraciones de esta magnitud”, en la primera crítica abierta desde las filas de Morales.


Il deputato Iván Canelas, del Movimento Al Socialismo (MAS), dichiaro que “piacere mio sarebbe che il presidente Chávez non faccia dichiarazioni di queste grandezze”, nella prima critica aperta dalle file di Morales.

Canelas dijo valorar la ayuda financiera de Caracas a Bolivia con donaciones que bordean los 60 millones de dólares para militares, policías y municipios, además de un vasto programa hidrocarburífero, pero que esas opiniones “nos generan problemas en el país”.


Canelas dice ringraziare l’aiuto finanziario di Caracas a Bolivia con donazioni che arrivano ai 60 milioni di dollari per militari, polizie, e municipi, inoltre di un programma d’idrocarburo, pero che quelle opinioni “ci generano problemi nel paese”.

Los dichos de Chávez provocaron de inmediato que la oposición exija al canciller David Choquehuanca que le pida al embajador de Venezuela en La Paz “una retractación o, de lo contrario, se revisen las relaciones diplomáticas”, según el congresista opositor de derecha Oscar Ortiz.


Quello che Chávez ha detto hanno provocato subito che l’opposizione esiga al cancelliere David Choquehuanca di chiedere all’ambasciatore di Venezuela in La Paz “una ritrattazione o, a suo avverso, si ricontrollino le relazioni diplomatiche”, secondo il congressista oppositore di destra Oscar Ortiz.

Otros dirigentes de la misma agrupación Podemos, la primera fuerza opositora, cuyo jefe es el ex presidente derechista Jorge Quiroga (2001-2002), como el senador Walter Guiteras, dijeron que las declaraciones de Chávez “nos dan rabia, nos causan odio hacia este dictador que está tratando de tomar América Latina”.


Altri dirigenti dello stesso gruppo Podemos (Possiamo), la prima forza oppositore, il quale capo e’ l’ex presidente di destra Jorge Quiroga, come il senatore Walter Guiteras, dissero che le dichiarazioni di Chávez “ci fanno arrabbiare, ci causano odio verso quel dittatore che sta provando a prendere America Latina”.

El líder de Unidad Nacional (centroderecha), Samuel Doria Medina, manifestó que lo que busca Chávez con sus declaraciones “es distraer la opinión pública internacional y de su país (…) por los problemas que hay en Venezuela”. (AFP)

Fonte Correo del Caroni

Il capo di Unita Nazionale (centrodestra), Samuel Doria Medina, manifesto che quello che cerca Chávez con le sue dichiarazioni “e’ distrarre l’opinione pubblica internazionale dal suo paese (…) per i problemi che ci sono in Venezuela”.

Due cose succedono in questa vicenda. La prima e’ che logicamente Chávez ha bisogno del supporto di Evo, come un alleato per fa vedere agli “altri” (nazioni di America Latina), che non e’ solo. Adesso oltre a Cuba ha pure Bolivia.
Il perche delle dichiarazioni? Semplicemente perche il popolo Boliviano (la maggioranza) non vuole a Chávez, e tanto meno la sua Democrazia-Socialista, vista gia dalle manifestazioni del popolo Boliviano per le strade di La Paz. “somos boliviano, no somos bolivarianos” (”siamo boliviani, non siamo bolivariani”). (Rivoluzione bolivariana di Chávez).

Il secondo punto di questo fatto, come dice Samuel Doria Medina, di distrarre all’opinione pubblica internazionale. Perché? beh tra 46 giorni si farà il referendum per approvare o non la nuova riforma costituzionale. Con il quale il presidente Chávez riuscirà ad avere ancora più potere, e di poter diventare presidente vitalizio, visto che la nuova riforma contempla la rielezioni infinita del mandatario. Inoltre la libertà di parola sarà altamente censurata, e non ci sarà più l’opportunità di criticare (già non c’è) o di contraddire le parole del presidente.

Ho pure saputo, che in questi giorni, si sono approvati 25 nuovi articoli nella costituzione venezuelana senza domandare al popolo, e che quest’ultimo e’ ignaro al fatto dell’approvazione di questi 25 articoli.
Chiaro esempio di come, il presidente sta facendo quello che gli pare con il futuro dei venezuelani.

Tags

0 Responses to “Vietnam di mitragliatrici”


  1. No Comments

Leave a Reply